“Proprio nei momenti misteriosi del parto la donna è a diretto contatto con una forza primordiale e con l’immensità della vita, la paura e il terrore derivano dal fatto che le strutture mentali in quei momenti di travaglio crollano e lei vede sfaldarsi i limiti de suo io.”  (…) “La donna non deve dire ‘Io partorisco’, ma piuttosto ‘Io sono il mezzo attraverso cui avviene qualcosa di incontrollabile” (Frédérick Leboyer)

Annunci