Lo sapevi che il dolore del parto è un dolore che contiene in sè anche gli strumenti per il suo superamento?

Le doglie come doni per le donne e i bambini.
Dunque, non di una condanna, bensì di un dono, di un privilegio, di un’ opportunità si tratta. Questa è l’interpretazione del dolore anche di un gruppo di nativi americani. Essi chiamano le doglie “i doni” per la donna, perché ogni contrazione uterina la sostiene nel suo dare la vita e la porta più vicina al suo massimo desiderio: il suo bambino; doni per il bambino, perché gli insegnano il ritmo della vita e lo preparano al suo essere nel mondo.

 Per i popoli nativi, il dolore del parto può essere trasformato in gioia proprio attraverso la crescente consapevolezza. Una donna che ha esperienza nell’esercizio di pratiche spirituali legate all’abbandono dell’ego, all’entrare in stati alterati di coscienza, all’unione con l’Universo, può affrontare il parto lasciandosi portare dalle contrazioni senza resistenza alcuna, quindi senza dolore, verso la nascita del suo bambino e accoglierlo in uno stato estatico.

(Jeannine Parvati Baker)

E’ fondamentale innanzitutto decodificare il messaggio del dolore per capirne la sua funzione, solo così è possibile una gestione più consapevole della fase della dilatazione e del parto e una accettazione gioiosa di quella che è una delle esperienze più esaltanti della  vita di una donna. Si tratta di un’ esperienza che ci mette in contatto con la nostra energia primordiale di inaudita potenza ma che contemporaneamente ci fornisce anche gli strumenti per affrontare questa prova.

Quindi si tratta di un tipo di dolore non fine a se stesso, come nel caso in cui ci si rompe un arto…. ma che ha uno scopo, il quale già da solo può esserci utile per attraversare meglio la fase più dolorosa della gravidanza,  e che, cosa più  fantastica, contiene in sé anche gli strumenti per i suo stesso superamento!

Ma vediamo come.

Il dolore fornisce il motivo alla donna per cercare posizioni, creare movimenti che favoriscano l’apertura del suo bacino e quindi  la discesa del bambino e al contempo questi stessi movimenti alleviano il dolore. Senza questo dolore la donna non saprebbe dunque come muoversi, cosa fare o come aprirsi per aiutare il piccolino ad uscire.

Il dolore inoltre ha un effetto fondamentale di stimolatore endocrino: stimola cioè la produzione di una sufficiente quantità di ormoni, che aiutano  il processo fisiologico del  parto. Ormoni come ad esempio la prolattina che favorisce  l’attaccamento tra madre e figlio, l’ossitocina un uterotonico naturale che favorisce le contrazioni  per la preparazione del canale del parto.  Grazie all’aumento di questi ormoni, durante la pausa tra una contrazione e un’altra, aumenterà anche la produzione di prostaglandine le quali promuovono la contrattilità dell’utero preparando la contrazione successiva, e le endorfine che creano una analgesia naturale proteggendo dal dolore anche il bambino. Le endorfine inducono inoltre nella seconda fase della dilatazione uno stato alterato della coscienza, necessario come inibitore neurocorticale per permettere l’abbandono totale di sè, l’apertura completa per aiutare la donna a farsi attraversare e a separarsi da bambino per poterlo poi accogliere nella vita.

Il dolore del parto permette inoltre alla donna di vivere l’esperienza più stravolgente e  di cambiamento interiore della sua vita: da figlia diventa madre . Il dolore le permette di vivere e di esprimere completamente questo passaggio che può essere considerato un passaggio iniziatico. Senza questa esperienza fisica di dolore, qualcosa di inespresso o inconscio potrebbe  lavorare all’interno della donna, apparentemente senza alcuna conseguenza , ma che prima o poi  potrebbe riemergere sotto qualche forma di depressione più o meno grave.

Cosa dire dunque dell’epidurale oggi così tanto ricercata dalla donna e spesso proposta da personale medico:  è uno dei più grandi esempi di medicalizzazione della nascita naturale che trasforma un parto fisiologico in una procedura medica.

  • Abbassando il rilascio di ossitocina e degli altri ormoni può contribuire  a rendere maggiormente difficile e doloroso espellere il bambino incrementando così il pericolo di un parto strumentale con forcipe o ventosa.
  • Rallenta il parto, rende insensibile il pavimento pelvico , strumento importante al fine di poter guidare la testa del bambino nella sua fuoriuscita, aumentando anche qui i casi di parto  strumentale o cesareo.
  • Aumenta il bisogno di ossitocina sintetica per favorire il parto, e la combinazione di queste due può causare anormalità del battito cardiaco fetale.

Sulla madre i problemi dell’epidurale possono essere: ipotensione, sciatalgia, nausea, vomito, febbre, emicrania che può durare anche fino a 6 settimane.

Ma allora può servire?  Forse a quelle partorienti che non riuscirebbero altrimenti a partorire naturalmente a causa di forti traumi pregressi o a causa di grossa,   ansia e stress….. La partoriente dovrebbe comunque sempre e in ogni caso  essere a conoscenza dei rischi a cui va incontro, e le aziende ospedaliere dovrebbero divulgare  una chiara e corretta informazione basata su evidenze scientifiche.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...