Portare i bimbi

“Essere portati, cullati, essere tenuti, massaggiati, sono tutti nutrimenti per i bambini piccoli, indispensabili, come le vitamine, i sali minerali e le proteine, se non di più”

F. Leboyer, “Shantala”

Per il neonato all’inizio della sua vita, le cose e anche le persone esistono soltanto se lui riesce a percepirle, quindi a vederle, toccarle e sentirle. Solo a circa nove mesi un bambino sa, che gli oggetti esistono anche se lui non li può toccare, vedere o sentire. Quindi, un bambino più piccolo non riesce a “comprendere” la presenza dei genitori e le loro cure nei suoi confronti, nel momento in cui spariscono. La vicinanza corporea invece dà al neonato, contenimento, sicurezza e serenità.
Anche negli anni seguenti, il contatto e il legame con persone di fiducia sono necessari per il suo sviluppo sereno.
Ad un certo punto verrà da sè il cambiamento, e sarà quindi sufficiente per il bambino sapere che i genitori sono nella stanza accanto per potersi “rifornire” di tanto in tanto di un po’ di loro vicinanza. Nelle situazioni di stress o di insicurezza invece sarà sempre importante il diretto contatto corporeo. Continua a leggere >>>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...