Promozione estiva per le neo- e future mamme

Se acquisti ora il “Libro dell’Amore e della Musica” puoi usufruire della promozione estiva: LIBRO + CD in omaggio “Amore e musica per sognare” (ninnananne per il sonno dei vostri piccoli, musiche per il risveglio, il relax e la stimolazione).

Acquista

La scienza dice che il cucciolo dell’uomo nutrito costantemente e quotidianamente di musica, fino dai primi giorni di vita, o ancora prima di nascere, amplia le sue capacità mentali e di memorizzazione, la disponibilità agli affetti e alla comunicazione.

Cullatelo, stringetelo al seno al suono di dolci parole e cantategli delle ninnananne anche quando è ancora in pancia…. Non esistono armonie, ritmi, musiche in grado di sostituire il suono della madre. Suggeriamo alla madre l’idea di imparare a cantare le ninnananne proposte nel CD, il piccolo a poco a poco si renderà conto che il suono non gli giunge da una fonte che non conosce, ma dalle labbra di chi ha continuo contatto con lui e identificherà in quella persona la fonte del suo benessere.

Nei primi mesi di gravidanza e di vita, nell’epoca in cui il linguaggio verbale come scambio di comunicazione tra madre e piccolo, non è ancora possibile, la musica rappresenta un mezzo unico e straordinario con cui stabilire un rapporto intimo tra adulto e neonato. Se giorno dopo giorno i genitori osservando il piccolo che cresce noteranno la sua vivacità intellettiva, disponibilità alla comunicazione, predisposizione all’affettività, devono sapere che tutte queste aperture alla vita hanno come punto di partenza e come costante la stimolazione musicale.

 

Partorirai con dolore….È forse una punizione Divina?

Assolutamente no! Anzi è uno strumento necessario affinchè il parto possa procedere al meglio e in modo naturale.

Il dolore del parto ha caratteristiche uniche in natura in quanto non è sintomo di alcuna patologia, ma un segno del naturale progredire della nascita. Si presenta come dolore intermittente, con pause tra una contrazione e l’altra dove il dolore arriva a scomparire completamente e garantisce l’avvio di una vera e propria forma di analgesia endogena naturale, ottenuta attraverso la produzione di endorfine, ovvero gli ormoni della felicità dotati anche di un potente effetto analgesico.

La funzione del dolore nel travaglio permette anche alla donna di ricercare la modalità di parto più funzionale,  cioè la posizione meno dolorosa utile al progredire corretto del travaglio, quella che favorisce la creazione di spazi adatti ad aiutare la fuoriuscita del bambino.

Il nemico del parto non è il dolore, ma la paura, l’ansia e la tensione. Reazioni queste che attivano nel nostro corpo un meccanismo che rilascia  altri ormoni che hanno l’effetto di difesa per “combattere” il pericolo percepito: il corpo si irrigidisce, fino ad aumentare il dolore e ostacolare il processo del parto.
Quando una donna è invece rilassata, il suo organismo rilascia gli antidolorifici naturali prodotti dal corpo stesso, le endorfine, che interagendo con altri ormoni contribuiscono a distendere i muscoli e facilitare il parto.

Esistono tecniche che aiutano a garantire una partecipazione attiva e consapevole della donna all’esperienza della nascita, favoriscono il rilascio di endorfine, sostituiscono le credenze negative apprese sul parto, offrono strumenti in grado di diminuire lo stress e risparmiare energia utile alla donna nel parto. Sono l’utilizzo corretto e consapevole della respirazione, il rilassamento, le affermazioni/visualizzazioni positive, l’ascolto musicale, il canto e le vocalizzazioni .

Ricorda che Il dolore del parto non potrà mai essere più grande di quello che una donna riesca a sopportare, semplicemente perché quel dolore è il tuo stesso corpo a produrlo. Come si potrebbe sopravvivere se dovessimo “subire passivamente” un dolore insopportabile? Ricorda che tu sperimenterai ondate di dolore ma dipende da te come affrontarle: lasciandole agire… tu diventi mare e non più la barca nella tempesta!

Percorso di accompagnamento prenatale/yoga in gravidanza

Yoga e Mindfulness in gravidanza

Progetto Genos

21078402_1787170594701309_8804050475514845382_n.png…Nutriamoli di musica, vibrazioni d’amore, coccole, stimoli psico-tattili, ascolto profondo, già a partire dalla gravidanza!

I nove mesi che precedono “L’incontro” tra madre  e piccolo, non devono essere vissuti come un semplice periodo di attesa, ma devono essere utilizzati per instaurare e coltivare un primo dialogo fra madre e figlio. La nascita allora potrà essere per entrambi il “ritrovarsi” di due esseri che si conoscono da tanto tempo e non hanno mai smesso di amarsi (Relier   J.P. amarlo prima che nasca – 1993)

Riteniamo che la musica e la vibrazione del canto materno siano il canale privilegiato di questa comunicazione non verbale tra il feto e la madre. Questi i percorsi che offriamo:

Accompagnamento prenatale/Yoga in gravidanza

Gravidanza con la musica

Grembo Armonico

Il Libro dell’amore e della Musica

Claudia Boni e Filippo Massara ( Progetto Genos )

Meno dolore e meno parti cesarei con lo yoga prenatale

pregnancy-picture-heart.jpgUno studio apparso nel dicembre 2018 sulla rivista specialistica The Journal of Alternative and Complementary Medicine, ha messo in luce gli effetti più che positivi dello yoga, quando praticato in gravidanza.

I ricercatori hanno arruolato duecento donne al settimo mese di gravidanza dividendole in due gruppi: nel primo è stato praticato yoga prenatale (sessioni di 30 minuti ogni due settimane), nel secondo no. Erano tutte donne alla prima gravidanza, che non avevano mai praticato yoga in precedenza e di età compresa tra 25 e 30 anni.

I risultati sono quelli di una migliore tolleranza al dolore tra chi aveva praticato lo yoga, e anche una minore richiesta di induzione del travaglio e di analgesici. Sembra inoltre che lo yoga abbia portato anche un altro importante beneficio: più parti per via vaginale e meno parti cesarei, e persino il numero di nascite sotto peso è risultato inferiore al gruppo di controllo che non aveva praticato yoga.

Lo studio è stato  condotto da un gruppo di ginecologi indiani (New Delhi e Mangalore). Vediamo meglio.

https://www.liebertpub.com/doi/abs/10.1089/acm.2018.0079?journalCode=acm

Il Libro dell’amore e della musica

copertina1

IL LIBRO DELL’AMORE E DELLA MUSICA

di Filippo Massara

Collana Progetto Genos

L’intensità affettiva della madre, il suo canto e l’ascolto dei suoni armonici sono fondamentali per lo sviluppo cerebrale, l’equilibrio emozionale e psichico del bambino, fino dall’inizio della vita.

Acquista>>>>>>

Il ventre di una donna, nell’epoca della gravidanza, è una culla di suoni che avvolgono il nascituro in un abbraccio, trasformandolo in un essere che si sviluppa nella fisicità
dell’ascolto.
Il suono e l’ascolto sono le matrici dei primi momenti relazionali necessari per l’equilibrio della specie umana.
La voce è la forma di suono che colpisce più intimamente la sensibilità dell’uomo, fino dall’inizio della sua esistenza, lasciando un segno profondo nel corpo, nella memoria,
nell’anima.
Il potere emozionante della voce agisce in noi come un richiamo irresistibile quando si presenta come il veicolo sonoro della tenerezza, nelle parole della madre e del padre, o negli slanci affettivi tra adulti.
In sintesi: l’essenza dell’esistere si concretizza e acquista profondità quando decidiamo di metterci in ascolto. Allora il canto, la musica, le voci, incominciano a smuovere delle
energie finalizzate alla trasformazione, che è il vero senso della vita.

Osteopatia pediatrica

“I tessuti posseggono una loro memoria” e tutto rimane impresso. Per questo è importante l’osteopatia nei bambini, perché evita che le disfunzioni si strutturino.

Da tutto il periodo di gravidanza a quello neonatale, l’osteopata può essere d’aiuto per tutti i disturbi tipici della neonatologia e della pediatria. In generale la possibilità di curare sin dalla primissima infanzia malformazioni, scompensi della struttura ossea e disfunzioni dell’apparato membranoso e legamentoso può evitare dolorosi e lunghi percorsi di cura una volta adulti.

Continua a leggere>>>> http://www.alessandravasconi.it/osteopatia_pediatrica.html